Hai un negozio di abbigliamento? Scopri come riciclare le rimanenze di magazzino!

Può capitare in ogni attività commerciale di dover fare i conti con grosse rimanenze di magazzino e non avere idee concrete su come smaltirle. Il problema è parecchio sentito dai commercianti che operano nel campo della moda, pesantemente penalizzati dal crollo degli acquisti negli ultimi dieci anni dovuto a diversi fattori, uno su tutti la crisi economica che ha messo in ginocchio mezzo mondo. Cercare di vendere in stock le giacenze di magazzino non deve essere dunque percepito come un mezzo fallimento, in tutta franchezza è un momento che capita praticamente a tutti, ma piuttosto come un’opportunità per ridare slancio, sia economico che di immagine, alla propria attività.

A chi affidarsi per vendere le proprie rimanenze di magazzino?

Chi si trova di fronte a quest’operazione probabilmente non riesce ad individuare neppure il primo passo da compiere. Le immagini di magazzini stracolmi di merce invenduta può, in effetti, scoraggiare chiunque ma è importante avere le idee chiare ed affidarsi a professionisti del settore per il ritiro delle rimanenze di magazzino. In molti, dunque, cercano di contrattare la vendita del proprio stock coi grossisti con cui di solito già sono in affari. Qualcuno potrebbe anche svolgere un servizio simile, ma in genere la disorganizzazione in queste operazioni la fa da padrona e riuscire a smaltire tutte le giacenze diventa un mezzo incubo.

Viene così in soccorso I Mercanti Stock, uno stocchista che ha sede a Cesano Boscone, in provincia di Milano, ma che opera senza alcun problema di sorta in tutte le località d’Italia. Il servizio offerto ha pochi eguali in Europa: dalla valutazione, da chiedere direttamente sul sito e che non comporta né costi né impegni col grossista, fino al ritiro dello stock segnalato in un lasso di tempo che non supera le 48 ore (in considerazione degli accordi presi col rivenditore).

I passaggi per richiedere una valutazione del proprio stock in magazzino

Collezioni rimaste invendute, merce rimasta per mesi in negozio senza essere acquistata, cumuli di capi d’abbigliamento riposti in magazzino: Sul sito si propone l’obiettivo di semplificare il più possibile un’operazione che si rende necessaria per diversi motivi, tra cui di certo quello economico. Inutile negare che un rivenditore fa cadere l’occhio principalmente sull’offerta che gli viene recapitata, contattando lo stocchista lombardo ha la sicurezza che quella sarà la migliore sul mercato. Richiedere una valutazione delle proprie rimanenze di magazzino è un passaggio che va compiuto sul sito: semplice e allo stesso tempo esaustivo il form presente sulla pagina dedicata (accessibile cliccando su “Ritiro Stock Abbigliamento” sottocategoria della voce “Stock Abbigliamento” presente nel menu principale), chiuso da una descrizione della merce che si desidera stoccare e la possibilità di inserire anche qualche immagine per rendere più precisa la valutazione finale.

Da sottolineare che nel caso ci sia una certa urgenza, i referenti di imercantimilanostock.it possono essere contattati anche personalmente su Whatsapp: i recapiti sono ben in vista in tutte le sezioni del sito web.

Come si svolge l’operazione di ritiro delle rimanenze di magazzino?

E’ proprio qui che imercantimilanostock.it riesce a fare la differenza rispetto ai “competitors”. Come specificato in home page, tutte le operazioni di ritiro giacenze sono effettuate in massimo 48 ore dalla richiesta iniziale, ammesso che l’appuntamento fissato col rivenditore rientri in tale margine temporale. Il “plus” sul piano logistico non si limita però di certo al solo fattore temporale, ma coinvolge anche quello geografico. Lo stocchista, pur con sede a Milano, è riuscito a creare una rete capillare che permette il ritiro delle merci in qualsiasi punto d’Italia: non è un caso che siano Siena, Napoli, Lecce, Palermo e Venezia le città ad oggi che contano il maggior numero di negozianti che si sono rivolti a questa azienda. D’altronde, liberarsi in pochi giorni di un fardello divenuto insopportabile e strappare una valutazione economica di tutto rispetto non può essere un vantaggio appannaggio di pochi.

 

9 pensieri su “Hai un negozio di abbigliamento? Scopri come riciclare le rimanenze di magazzino!

  1. Antonino spina

    Ho un negozio di abbigliamento a Mazara del vallo provincia di Trapani ,sarei interessato a stoccare la merce in magazzino.sia calibrato donna che regolare.

    Rispondi
  2. Rita Consoli

    Salve , a causa della chiusura del mio negozio ho in giacenza capi di intimo, collant, pigiami ma non in numero elevato, è fattibile una vostra valutazione ed eventualmente un vostro acquisto?
    Saluti
    Rita Consoli

    Rispondi
  3. Adriana

    Ma io voglio sapere quanto ti offrono a capo….a me hanno detto che questi offrono massimo 20 o 30 centesimi a capo……..e vero????

    Rispondi
  4. Gaetano

    Ho 350 capi di abbigliamento da stoccare tra cui aziende come liu jo barbara alvisi pacic train rifle motivi ecc

    Rispondi
  5. Dajana

    Buongiorno, ho un negozio di abbigliamento uomo donna (linea Slim ) e vorrei vendere il magazzino…potrei avere maggiori informazioni a riguardo?
    Grazie

    Rispondi
  6. rina

    Buonasera vorrei un vostro consulto per la rimanenza estiva, sono maglie abiti pantaloni da bimba e bimbo anche capi firmati .
    Saluti

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top