Archivio per categoria Ecologia

L’industria sceglie gli imballaggi in cellulosa

L’industria sceglie gli imballaggi in cellulosa

La soluzione ideale per le aziende

Una delle grandi sfide per le imprese è rappresentata dalla logistica. Infatti il servizio di trasporto e consegna dei prodotti commerciati è fondamentale per conquistare la clientela e soddisfarla. Non è semplice gestire tali aspetti, ma in particolare i tanti rischi si corrono nel far giungere la merce a destinazione integra. Servono materiali capaci di proteggere adeguatamente ogni articolo, in modo da preservarlo dai colpi che può subire. In commercio c’è un materiale efficace, che aiuta le industrie di ogni settore economico, dall’arredamento all’alimentazione passando per il comparto automobilistico. Si tratta degli imballaggi in cellulosa, caratterizzati da un’elevata resistenza a urti e graffi, leggera e con un’alta qualità ben rapportata al prezzo. Un’altra caratteristica molto importante è la possibilità di personalizzare il materiale a seconda dell’oggetto da proteggere, calibrando forme e dimensioni su quelle dell’articolo da spedire. Infine va sottolineata la caratteristica ecologica di questo tipo di imballaggio, che può essere tranquillamente riciclato dopo essere stato usato e tornare a costituire il materiale per salvaguardare altri oggetti.

La produzione dell’imballaggio

La cellulosa che prima veniva estratta dalle piante, ora viene recuperata dalla carta proveniente dalla raccolta differenziata, così da ridurre l’impatto ambientale perché non si devono abbattere alberi per ottenere la materia prima. Al completamento di questa lavorazione si procede con un software di grafica 3D per la verifica delle zone di deformazione e delle rigidità per poter modellare il prodotto a seconda dell’oggetto da avvolgere. Il programma informatico consente di fare una prova prima di mettere in pratica il materiale. Una volta stabilita la forma e la dimensione degli imballaggi in cellulosa vengono stampati in versione tridimensionale per poter essere usati. A seconda dell’utilizzo si possono scegliere tre tipologie di prodotti in polpa di cellulosa:
Usualpulp creata per contenere alimenti quali uova, verdura, frutta e bottiglie di vino;
Hardpulp ad alta resistenza e ideale per una grande varietà di prodotti, in particolare quelli più fragili;
Qualitypulp pensata per avvolgere prodotti di alta qualità come dispositivi informatici e digitali oppure cosmetici.

L’apprezzamento degli utilizzatori

I vantaggi dell’uso di imballaggi in cellulosa è dato dalle numerose caratteristiche di leggerezza e resistenza, ma le industrie apprezzano anche l’aspetto ecologico, perché il fatto di poter riciclare il materiale assicura un risparmio nello smaltimento e l’ottimizzazione delle risorse. Un altro elemento che porta al risparmio è sicuramente la possibilità di personalizzazione, perché prima di predisporre l’imballo, si procede a fare un progetto grafico e a modellare il prodotto per poi stampare l’imballaggio più adatto all’oggetto. Si interviene così sulla sicurezza in favore dell’integrità dell’articolo, ma anche sull’aspetto estetico, decisamente più piacevole. Chi riceve la merce si accorgerà di come sia stata confezionata adeguatamente e ciò sicuramente rappresenta un buon risultato per le imprese che devono soddis
fare i requisiti dei clienti più esigenti. Gli imballaggi in cellulosa sono una soluzione innovativa e ideale per le aziende dei vari settori che cercano un modo affidabile per spedire la propria produzione.

Lo smaltimento e il trattamento di rifiuti speciali

Lo smaltimento e il trattamento di rifiuti speciali

Smaltire i rifiuti speciali è una pratica che richiede l’utilizzo di tecnologie di recupero moderne e di personale altamente specializzato in questo settore.

Il trattamento di rifiuti speciali
Il sistema relativo al trattamento dei rifiuti speciali si basa sui rapporti diretti tra i produttori di tali rifiuti come le aziende e tra gli impianti di smaltimento che forniscono il servizio.

Quando si parla di rifiuti speciali si intendono gli scarti provenienti dall’esercizio di attività agricole o industriali, di demolizione o costruzione, ed ancora derivanti da lavorazioni artigianali. Nella categoria dei rifiuti speciali rientrano anche quelli derivanti dallo svolgimento di attività sanitarie, i macchinari, i veicoli a motore e il combustibile derivato da rifiuti.

Gli esperti nel trattamento di rifiuti speciali sono in grado di eseguire delle efficaci azioni di recupero accompagnate da specifiche azioni di selezione che permettono di destinare le singole frazioni recuperabili ad impianti che si occupano del recupero della materia.

Con una procedura efficace di inertizzazione è possibile la trasformazione e il trattamento di rifiuti speciali pericolosi per l’ambiente, in sostanze non nocive. Le operazioni di inertizzazione sono sia chimiche che fisiche ed utilizzano reagenti che consentono la separazione della parte tossica da quella non tossica, in alcuni casi invece si ricorre allo smontaggio e al riciclaggio del rifiuto. In altri casi il trattamento dei rifiuti speciali richiede lo smaltimento come nel caso degli acidi.

Molti fornitori offrono la raccolta a domicilio di materiali speciali come filtri dell’olio, batterie, scarti d’inchiostro, pitture, vernici e via dicendo; per chi necessita di tale servizio è sufficiente la preparazione del materiale da smaltire in appositi contenitori che vengono poi ritirate con apposito appuntamento, dagli operai specializzati.

Requisiti per lo smaltimento dei rifiuti speciali
Grazie ad una consulenza con uno specialista nel trattamento di rifiuti speciali è possibile ottenere un’analisi precisa dei rifiuti da smaltire, ricevere l’assistenza per la presentazione del MUD (Modello Unico Dichiarazione Ambientale sui rifiuti), ed informarsi circa la corretta compilazione del registro di scarico e carico dei rifiuti.

Lo smaltimento dei rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi richiede l’esecuzione di procedure che siano a norma di legge ed in linea con le direttive sancite dall’Unione Europea.
La Commissione Europea ha infatti stabilito che lo smaltimento e il trattamento dei rifiuti speciali e non, deve seguire i principi di prevenzione, preparazione per il riutilizzo, il riciclo della materia, il recupero di energia, ed infine lo smaltimento.
Per effettuare un corretto smaltimento dei rifiuti speciali è quindi indispensabile rivolgersi a fornitori certificati ed autorizzati a svolgere il servizio relativo al trasporto dei rifiuti e quello di recupero o riutilizzo.

Top