Archivio per categoria Riciclo Creativo

Le attività di riciclo creativo rappresentano oggi un’attività estremamente ricercata, inseribile in ogni contesto quotidiano. Ad oggi, possiamo dar sfogo alla nostra creatività riutilizzando ogni tipo di materiali di uso comune, come carta, stoffe, tappi di plastica, bottiglie, finanche le capsule del caffè Nespresso. Senza alcuna spesa e con un poco di fantasia si possono mettere in atto numerose attività che possono far felici e sviluppare l’ingegno dei nostri bambini.

Non perdete dunque le ultime proposte di riciclo creativo!

Come riciclare un vecchio pulmino

Come riciclare un vecchio pulmino

Di idee per riciclare ce ne sono tante e per tutti i gusti, ma quelle per riciclare un vecchio pulmino sono veramente impegnative, in quanto, oltre alla fantasia e alla creatività, bisogna affrontare problematiche più complesse, tipiche di un grosso mezzo di locomozione.

Riciclare il Volkswagen Bulli

Il Volkswagen Bulli ha segnato un’epoca, è stato il pulmino più amato in tutto il mondo e tutt’ora gode di un gran numero di estimatori, amanti della sua linea inconfondibile. Il pulmino dei figli dei fiori, variopinto, è stato anche il primo prototipo di camper, con una versione appositamente accessoriata.

casa vecchio furgoneOggi questo minibus è ritornato a vita, riutilizzato nelle più svariate maniere. C’è chi lo ha trasformato in una limousine per matrimoni, con divanetti interni in stile anni ’60, oppure completamente restaurato come da originale. Un’altra idea geniale è stata quella di ospitare al suo interno un mini cinema, o, ancora, quella di creare internamente suggestivi scenari intercambiabili appositamente studiati per divertenti servizi di photo matrimonio, laurea, o altri tipi di feste private dal sapore vintage, e quindi trovando anche un lavoro divertente. C’è chi, invece, al posto delle ruote, ci ha messo un cingolato, per trasformarlo in un gatto delle nevi con discoteca annessa, con tanto di casse sul tettuccio e console dj.

Da vecchio furgone a casa mobile

Sicuramente il modo più classico per riciclare un vecchio furgone, è quello di trasformarlo in una casa mobile. Questo tipo di operazione è stata fatta su svariati tipi di furgone o minivan, con l’intenzione di creare un camper fai da te. Comprare per pochi soldi un vecchio furgone, e con tanto di progetto, mano d’opera a costo zero, e accessori riciclati, creare un camper personalizzato.

Ma non finisce qui, in quanto c’è chi si è spinto ancora oltre. Prendete un vecchio autobus, svuotatelo del tutto, e trasformatelo in una vera è propria casa motorizzata. Questa idea è stata portata avanti da due donne israeliane, che hanno cominciato a recuperare vecchi autobus dismessi, tolti dalla circolazione, per farne delle case vere o proprie, e aiutare chi non poteva permettersi una vera casa. Questi autobus al loro interno hanno tutto ciò che occorre, dal salottino all’angolo cottura, dal bagno con doccia al letto matrimoniale, il tutto in un ambiente climatizzato, anche tecnologico, distribuito su una superficie di 24 metri quadrati.

Queste sono solo alcune delle idee che sono state portate a termine da chi ha a cuore l’arte del riciclo intelligente e sostenibile, ma che può produrre anche lavoro, come nel caso dei pulmini per matrimoni e feste.

 

Scatole di cartone: alcune idee per riciclarle

Scatole di cartone: alcune idee per riciclarle

Il cartone è un materiale onnipresente nelle nostre case, tra scatole di scarpe, scatoloni, scatole per pacchi che puntualmente finiscono nella pattumiera. Riciclare il cartone diventa una buona abitudine per la salute del nostro ambiente, ma può diventare anche una forma di creatività, vediamo come si possono riciclare le scatole di cartone.

Cartone e design

Il cartone con una buona dose di fantasia può dar vita a qualcosa di unico, sorprendente ed originale. Anche l’interior design si è fatto avanti negli ultimi anni utilizzando questi materiali di scarto. Dalla creatività di questi professionisti sono nati mobili, sedie e vari complementi d’arredo per negozi ed uffici, oggetti di grande impatto emotivo in cui l’estetica si sposa perfettamente e sapientemente con la robustezza, ottenendo un alto consenso di pubblico.

Riciclo ludico

trenino di cartoneDa sempre il cartone viene usato per sviluppare la fantasia dei bambini, dalle scuole materne a quelle elementari fino alle mura casalinghe. Tante sono le idee che si possono realizzare. Le feste del papà, della mamma, il Natale, la Pasqua, sono le occasioni canoniche per fare i famosi lavoretti. Alberelli natalizi da ritagliare e colorare, piccoli, ma preziosi presepi, vengono modellati con l’aiuto delle maestre che stimolano la creatività dei bambini.

Il cartone, ritagliato, incollato e colorato si presta perfettamente alla creazione di trenini, spade e scudi, castelli, animali. Perché comprare una tenda commerciale quando si può costruire una casetta vera e propria col proprio bambino, con tanto di porticina e finestrella con le persiane, dipingendola con i suoi colori preferiti?

Riciclo casalingo

Ma il cartone si presta benissimo anche a creazioni per noi adulti. In fondo anche noi siamo stati bambini, e quella fiammella di sana fantasia ce l’abbiamo sempre, basta riaccenderla. E allora ecco che possiamo creare dei quadretti originali per le nostre foto più buffe, o dei divisori per i nostri cassetti, per averli più in ordine. Possiamo anche fare una bella casetta per il nostro amico peloso, una cuccia calda e confortevole,o semplicemente rivestire le nostre scatole con la tecnica del decoupage, renderle divertenti e allo stesso tempo utili per conservare vestiti, gioielli o trucchi.

Il riciclo ormai è un’arte, dal fai da te a veri e propri progetti di design. Anche su internet si sono moltiplicati i siti che illustrano le innumerevoli soluzioni che di possono creare. Ogni materiale riciclabile si presta benissimo, cartone in primis. Basta fare qualche piccola ricerca per avere un’ispirazione, per far scattare la nostra fantasia, e se proprio ne abbiamo poca ci sono tanti tutorial illustrati, o video, che passo passo ci mostrano come fare, ma ci basterà guardarne uno per tirare fuori tante altre idee creative.

Come fare cuscini da notte riciclando vecchi tessuti

Come fare cuscini da notte riciclando vecchi tessuti

Creare cuscini da notte con tessuti di riciclo

Riciclo, cucito creativo e relax: l’accoppiata vincente!

Moderno, rustico, shabby chic…

Qualunque sia lo stile della tua camera da letto, la parola d’ordine è sempre la stessa: personalità. Se la tua camera ti sembra datata e hai voglia di darle un tocco di novità in poco tempo e con un budget pari a zero, la scelta migliore è arricchire il letto con cuscini fai-da-te, magari riciclando e cucendo insieme materiali che hai già in casa.

Il letto in stile americano, con molti cuscini sovrapposti, è non solo bello, ma anche comodo!

“Giocare” con i tessuti, i colori e i materiali

Per cominciare hai bisogno di alcuni cuscini da rivestire, ago e filo (o meglio ancora una macchina da cucire) e tutti gli avanzi di stoffa che riesci a trovare in casa.

Se non trovi niente di adatto, prova a cercare nei mercatini e nelle mercerie: potresti fare grandi affari!
Non è indispensabile che i cuscini siano tutti uguali. Anzi, lo stesso cuscino può addirittura essere rivestito con strisce o quadrati di tessuti diversi; l’importante è mantenere uno stesso tema (per esempio scegliendo tonalità simili ma in materiali diversi) e creare un’armonia generale. Per il resto, via libera alla fantasia!
Ricorda che alcuni tessuti sono particolarmente indicati per le federe che staranno a contatto con la pelle durante il sonno (la seta, per esempio, è il materiale più delicato sulla pelle, oltre a essere di grande eleganza!), mentre altri sono più adatti ai copricuscino decorativi.

Per esempio puoi riciclare i tuoi vecchi jeans creando un copricuscino formato da strisce affiancate, magari lasciando a vista il dettaglio della tasca. Anche vecchi centrini o abitini di pizzo possono essere utilizzati per dei cuscini, dando alla camera un tocco di eleganza e femminilità. Sarà un modo divertente per dare nuova vita ai vestiti che non usi più!

Come realizzare un cuscino passo dopo passo

Per prima cosa devi misurare il cuscino (tenendo conto anche dello spessore) per disegnare la sagoma della federa o del copricuscino.

Tieni presente che la federa dovrà essere leggermente più grande del cuscino, in modo da poterla inserire agevolmente; per non sbagliare puoi anche usare come modello una federa già pronta.
A questo punto puoi scegliere gli scampoli da utilizzare. Affiancali fino a ottenere la dimensione desiderata e cucili tra loro, a mano o usando la macchina da cucire.

Poi ricalca la sagoma sul tessuto e taglialo a misura.
Quando hai ottenuto entrambe le facce della federa, cucile insieme lasciando un lato aperto e rifinendo il bordo. Puoi scegliere se inserire una zip o dei bottoni (semplici o a pressione) per completare il lavoro.

Anche i bottoni possono essere di riciclo: tutti noi abbiamo in casa una scatola piena di bottoni spaiati e inutilizzati!

Non dimenticarti della cosa più importante: la comodità!

Se sei particolarmente attento al supporto ergonomico offerto dal cuscino e alla qualità del sonno, puoi anche utilizzare dei cuscini in gel come base per realizzare federe e copricuscini fai-da-te.

Come riciclare dei vecchi pneumatici

Come riciclare dei vecchi pneumatici

Se si ha una vecchia auto che non serve più si può optare per diverse soluzioni. Una è certamente quella di venderla, magari con un certificauto in modo da fare una buona vendita dell’usato e ricavare del denaro congruo al suo valore di mercato, ma se questa opzione non fosse attuabile allora restano poche alternative valide: farla demolire da uno sfasciacarrozze, versarla per acquistare un’auto nuova, venderla a uno sfasciacarrozze per i pezzi di ricambio. Se si decide di portarla da uno sfasciacarrozze per demolirla, però, si possono chiedere gli pneumatici che potranno essere riciclati in modo creativo. Riciclare dei vecchi pneumatici, infatti, non solo è molto semplice, ma è anche un’occasione per divertirsi con tutta la famiglia.

Riciclare dei vecchi pneumatici e metterli in giardino

Una volta recuperati gli pneumatici dalla vostra vecchia auto potrete creare una serie di oggetti molto originali da contestualizzare nel vostro giardino. Per esempio, dopo averli dipinti con dei colori appositi, anche le bombolette spray vanno bene, potrete creare la base di un tavolino, un’altalena, delle graziose fioriere. Se poi siete anche un minimo creativi, potrete unirne più di uno e dare vita a simpatiche figure, ma vediamo una per volta tutte le possibilità per creare oggetti da esterni. In ogni caso la cosa primaria da fare è quella di pulirli, magari con un gettito d’acqua (in questo caso vanno fatti asciugare molto bene) e poi dipingerli. Se la vernice scelta non dovesse dare una colorazione soddisfacente, si potrà prima dare una mano di primer in modo che la vernice offra una colorazione più vivace e brillante.

Fioriere multicolor

Per realizzare questo progetto basta dipingere gli pneumatici di diversi colori come è stato illustrato in precedenza. A questo punto potrete collocarli nelle zone del giardino che preferite e riempire il loro centro di terriccio. Chiaramente va da sé che il cerchione andava eliminato! Sono molto carini gli pneumatici con composizioni di piante grasse, o anche con erbe aromatiche da utilizzare in cucina, ma anche con delle piante della macchia mediterranea.

Altalena per bambini e non

In questo caso lo pneumatico può anche restare del suo colore originale. Quello che vi serve è della corda bella robusta che annoderete in quattro punti dello pneumatico in modo che funga da seggiolino. Legate quindi le corde a una trave o a un ramo di un albero resistente.

Tavolino da giardino gommato

pneumatici-02Per realizzare questo progetto vi occorreranno tanti pneumatici a seconda di quanto vorrete alto il vostro tavolino, diciamo che tre o quattro possono essere sufficienti. Potete dipingere gli pneumatici e fermarli tra loro legandoli ben stretti con una corda. Come superficie potrete usare un semplice coperchio di botte o una tavola di compensato da dipingere, rotonda o quadrata, a seconda dei vostri gusti. E per le sedute? No problem, altri due pneumatici a testa, un tondo di compensato di un paio di centimetri più largo della sede del cerchione, dell’imbottitura di gommapiuma e della stoffa. Basterà incollare la gommapiuma tagliata a misura del cerchio di compensato, rivestirla con la stoffa e bloccare il tessuto con una sparapunti, a questo punto si posa il disco sullo pneumatico e sono pronte anche le sedute.

Riciclare le bottiglie di plastica

Riciclare le bottiglie di plastica

Chi non ha la possibilità di usufruire di case dell’acqua vicino alla propria abitazione, è costretto a comprare casse di bottiglie di plastica che andranno a finire nel pattume. Certo ora che in tutta i Italia o quasi esiste la differenziata non è quasi più un problema cestinarle, ma lo sapevate che la plastica è uno dei materiali più duttili? E che è possibile costruirci un immensità di cose utili e non? Ecco elencatene alcune

Deumidificatore

Esatto! con un po di sale e qualche bottiglia è possibile fare un deumidifcatore fai-da-te per il vostro bagno o per tutti quegli ambienti che soffrono di umidità specialmente nel periodo autunnale. Il procedimento è semplice: prendete una bottiglia, tagliatela a metà, asciugatela bene e fare dei buchi nel tappo. Dopodichè riempiete a parte superiore, per metà, con il sale e lasciate riposare in congelatore per 10 ore. Sistemate la parte superiore con il tasso rivolto verso il basso, all’interno della parte inferiore e il gioco è fatto. Il sale raccoglierà l’umidità e la scaricherà nella bottiglia.

Centri tavola

Molte persone hanno la mania e il piacere di mettere fiori e bouquet come decorazioni e centro tavola. Questo oltre a comportare una perdita di petali ovunque, incide notevolmente sul portafoglio. E allora ci viene in aiuto la nostra amica plastica, con essa si possono fare dei stupendi fiori e  realistiche foglie lavorandole con il calore del fuoco e dipingendole con i colori per il vetro (oppure usando la plastica colorata)

Decorazioni natalizie

E si, con la plastica è possibile fare anche delle decorazioni da appendere ai nostri alberi. Modellandoli sempre con il calore del fuoco possibile fare delle girandole per le nostre festività.

Sul web ormai si trovano una miriade di tutorial adatti ad ogni occasione, la plastica è davvero un prodotto che può venirci in aiuto per qualsiasi tipo di regalo o oggetto utile.

 

Angioletto natalizio da materiali di riciclo

Angioletto natalizio da materiali di riciclo

Il Natale si avvicina e tra circa un mese dovremo cimentarci con la decorazione dell’albero di Natale. Ma se quest’anno volessimo, magari assieme anche ai nostri bambini, creare un albero di Natale davvero originale, che sia diverso da quello di tutti gli altri anni e che abbia quel non so che di speciale che lo renda davvero indimenticabile? Come? Ma è semplice, non utilizzando le classiche decorazioni che si acquistano nei negozi, bensì autoproducendole da noi in casa.

Cosa serve

Ovviamente quello che serve è tutto materiale di riciclo, da vecchi stracci della cucina, a materiali improbabili come i manicotti poliuretano che all’occorrenza possono svelare angolazioni inedite. Così come celle bottiglie in plastica, del cotone per levare il trucco, il tutto accompagnato da strumenti del mestiere come una pistola per colla a caldo, barre di colla a caldo, nastrini, paillette, brillantini. Ma non buttiamo assolutamente vecchi giornali, maccheroni di quelli grandi, quella bambolina rotta di vostra figlia di cui ormai è rimasta solo la testa. Insomma, fate un bel giro per la casa e ispezionate attentamente senza dimenticare quel vecchio centrino della nonna che può trasformarsi, a sorpresa, in una decorazione fantastica!

Come si fa

albero-natalePartiamo proprio dal materiale più strano, la barra o il manicotto in poliuretano che altro non è che la manovella della vostra avvolgibile, per esempio, che avete sostituito di recente e che non avete voluto buttare perché non si sa mai, vi ispirava una nuova vita. Prendete poi una di quelle palline in legno profumate che si utilizzano, normalmente, come profuma biancheria, Con delle forbici ritagliate dai vecchi teli da cucina un paio di ali di grandezza congrua a quella del manicotto, quindi non troppo grandi né troppo piccole. Prendete la pistola per la colla a caldo e le decorazioni, infine quella paglietta di lana d’acciaio riccioluta e dorata.

Mettete le ali di stracci a bagno in una soluzione di acqua,1 parte e di colla di tipo vinavil, 2 parti. Strizzatele bene e fatele seccare, magari con l’asciugacapelli per fare un po’ più alla svelta. Ora con la colla e la pistola a caldo mettete un punto di colla sulla parte più stretta del manicotto e adagiatevi la pallina di legno. Con un pennarello indelebile disegnate gli occhi e la bocca. Ora mettete un punto di colla a caldo sulla nuca dell’angioletto e attaccate la paglietta riccioluta. Decorate con un nastrino, se lo avete dorato farà un figurone. Infine attaccate le ali una volta che saranno asciutte sempre fissandole con un punto di colla a caldo.

Per ultimo, con un nastrino che incollerete sempre con la colla a caldo sulla schiena, fate un gancetto per appendere l’angioletto all’albero.

 

 

Cosa sono i pannolini lavabili?

Negli ultimi anni si è diffuso l’utilizzo dei pannolini lavabili per i neonati. “Come si usava una volta” direte…no beh, quasi. Quelli moderni sono costituiti da materiali più assorbenti e più semplici da lavare e da far indossare. Perché sceglierli? Perché sono un prodotto ecosostenibile, che ci permette di ridurre notevolmente la produzione di rifiuti. Read more

Il mondo del riciclo nell’abbigliamento esiste!

Il mondo del riciclo nell’abbigliamento esiste!

Il mondo del riciclo nell’abbigliamento esiste! In un mondo dove per anni gli sprechi sono stati all’ordine del giorno (e, a dirla tutta, ancora oggi gli sprechi ed i consumi eccessivi portano ad un inquinamento notevole), parlare di riciclo, o di riciclo creativo è davvero molto importante, per vivere meglio e rispettare il nostro pianeta.

Read more

Come riciclare un letto: qualche idea utile per un riciclo creativo

Come riciclare un letto: qualche idea utile per un riciclo creativo

Il riciclo creativo è un modo semplice ed istruttivo che si applica agli oggetti vecchi inutilizzati che si ha intenzione di gettare. Proprio in tempi di crisi non si butta via niente ma basta recuperare l’oggetto con originalità. In tal caso ci occuperemo di dare qualche dritta su come riutilizzare un letto partendo dalla rete, al materasso infine ad arrivare alla testiera. Se avete vecchi materassi o vecchie reti da letto anche un po arrugginite si possono trasformare in oggetti utili che possono essere riutilizzati per arredare o semplicemente abbellire diverse parti della casa.

Le idee che seguono sono fornite gentilmente da DormHouse – Centro esclusivo Permaflex che si occupa della vendita di letti a Formia e Fondi.

Piccole idee creative facili e veloci per riutilizzare la vecchia rete

Tra gli oggetti che abbiamo in casa da riciclare possiamo trovare dei letti che dobbiamo gettare, ma come riutilizzare tutte le sue parti in maniera creativa? Le vecchie reti che compongono il letto anche arrugginite e un po ammaccate possono essere recuperate trasformandole in bacheche dove poter attaccare tutto ciò che vi piace come foto, bigliettini e quant’altro.

Per realizzare una bacheca bastano pochi passaggi, innanzitutto svitare, o qualora tagliare le gambe alla rete. Una volta fatta quest’operazione basta pulire per bene la rete e dopo di ché dipingere la rete del colore che si preferisce, una volta che il colore si è asciutto bisogna fissare la rete al muro utilizzando qualche gancio, e la vostra bacheca è pronta per essere utilizzare.

Un altro metodo creativo che riguarda sempre il riutilizzo di una vecchia rete è quello di usarla come un metodo di aggancio per il garage.

Come riciclare i materassi?

Oltre alle vecchie reti anche i materassi possono essere riutilizzati, basta un idea creativa, un piccolo sforzo e possono diventare complementi d’arredo. I vecchi materassi possono essere trasformati in comodi divani, basta appoggiare su un tappeto o su una tavola questi vecchi materassi ovviamente disinfettati e ricoperti da teli appositi con colori che si adattano alla stanza in cui andrà il “divano” o farvi aiutare da un tappezziere e ricoprire il materasso stesso, e vi troverete ad avere un complemento d’arredo originale ma anche riciclato.

Un’idea più particolare che riguarda sempre la riutilizzazione del materasso è quella di trasformarli in cuscini trapuntati colorati anziché in divani, ma per realizzare ciò vi è bisogno di artigiani esperti.

Se invece vorreste utilizzare anche la struttura del letto vi possiamo fornire un’idea molto creativa, la base del letto dovrà essere in legno in modo tale da trasformarlo in divanetto da giardino, tagliandolo e ridipingerlo, per creare i comodi cuscini del divanetto basta utilizzare un materasso piccolo prendendo spunto dalle idee esposte precedentemente.

Trucchi per il riciclo creativo delle cassette di frutta

Trucchi per il riciclo creativo delle cassette di  frutta

Vintage e alla moda: il riciclo creativo delle cassette di frutta

Vi basterà un capatina nei negozi di arredamento più alla moda, o sfogliare le più belle riviste di arredamento, per notare come il riciclo creativo delle cassette di frutta sia una delle idee più belle ed interessanti della decorazione degli spazi interni.

Anziché buttarle, dunque, dipingetele, risistematele e trasformatele in un oggetto straordinario e senza dubbio unico, esemplare perfetto di quel vintage di cui nessuno ormai riesce più a fare a meno.

Non avete idee? Necessitate di qualche dritta in merito? Nessun problema, continuate a leggere, passate ai prossimi paragrafi e date un’occhiata ai suggerimenti che seguono: vi aiuteremo infatti con quello che è l’eventuale riciclo creativo delle cassette di frutta!

Spazio alla fantasia col riciclo creativo delle cassette di frutta!

Avete il camino in casa? Perfetto! Perché uno degli oggetti da realizzare sfruttando il riciclo creativo delle cassette di frutta è la cesta portalegna. Prendete la vostra cassetta, ridipingetela e ricreate un effetto naturale ma voluto. Sarà bellissima.

Anche da sole, ovviamente, o sistemate insieme in qualche angolo del soggiorno, le vecchie cassette della frutta fanno bellissima mostra di sé. Pure in questo caso, certo, è fondamentale che le risistemiate e le ridipingiate per bene.

E perché non usare le cassette come ceste portalibri? O in bagno per riporre le asciugamani? Addirittura, con il riciclo creativo delle cassette di frutta, esse potrebbero rivelarsi splendide fioriere.

Qualche idea in più? Continuate a leggere!

 Ancora qualche dritta per il riciclo creativo delle cassette di frutta

I più bravi e ingegnosi, potrebbero ricorrere al riciclo creativo delle cassette di frutta per realizzare mensole, comodini e veri e propri pezzi del mobilio.

Insomma, le idee sono tante, le possibilità infinite: date spazio alla vostra fantasia e rendete la vostra casa più unica che mai!

Pagina 1 di 3123
Top