Smaltimento dei pannelli solari, quali sono gli Incentivi?

Il pannello solare è quella tecnologia con la quale vengono catturati i raggi solari e con un procedimento basato sul tipo di sistema installato viene prodotta energia elettrica ed acqua calda.

Lo scopo principale di questo impianto è consentire un risparmio della componente energetica attraverso l’ammortamento in un lasso di tempo variabile a seconda dell’installazione. Il vantaggio è assicurato dalla durata del sistema e dal risparmio annuale che contribuisce a diminuire sensibilmente le spese sull’energia di cui si ha bisogno.

La Legge di Stabilità del Governo Renzi ha riconfermato l’atteggiamento favorevole nei confronti delle fonti di energia rinnovabili e sulle tematiche dell’efficienza energetica riproponendo gli incentivi e detrazioni fiscali riguardo gli interventi in questi settori. Elettricità ed efficienza termica della casa sono due degli aspetti che la normativa prende in esame sensibilizzando il cittadino ed offrendo vantaggi per orientare l’opinione pubblica all’utilizzo di impianti atti al risparmio energetico. In Italia sono presenti altre normative che disciplinano l’argomento, il programma italiano rivolto all’incentivazione della produzione attraverso le fonti fotovoltaiche viene chiamato Conto Energia entrato in vigore nel mese di Settembre del 2005.

Riguardo gli impianti fotovoltaici ad uso domestico vengono riconosciuti come opere finalizzate al conseguimento del risparmio energetico, per cui la legge prevede una detrazione del 50% favorita dal calare dei prezzi di questi dispositivi per le nuove installazioni e per le ristrutturazioni. Tale detrazione viene riconosciuta quando non si usufruisce dei vantaggi offerti dalle tariffe applicate dal Conto Energia.

fotovoltaicoPer gli impianti fotovoltaici grid connected, cioè connessi alla rete, è prevista che l’energia in esubero venga venduta all’azienda distributrice ottenendo un guadagno proporzionale al quantitativo erogato.

Secondo la delibera del GSE, Gestore dei Servizi Energetici, l’erogazione degli incentivi dal Gennaio 2016, sia per i vecchi che nuovi impianti, viene calcolata facendo riferimento alla rilevazioni effettuate dal gestore della rete energetica. Importante è che i sistemi siano dotati di un dispositivo che consenta la misurazione dell’energia lorda prodotta dall’impianto. Nel caso dei sistemi domestici, cioè a bassa tensione, sarà lo stesso gestore a provvedere.

L’attenzione rivolta alle fonti rinnovabili, al risparmio energetico, all’efficienza degli impianti assieme ai vantaggi offerti dalla normativa in vigore propongono vantaggi rilevanti che si concretizzano nel risparmio della componente energetica attraverso detrazioni offerte dallo Stato. Questi incentivi con il calare dei prezzi degli impianti rende tali scelte molto convenienti e contribuiscono notevolmente alla diminuzione dei costi della componente energetica. A questo è da aggiungere la su citata possibilità di cedere l’energia in esubero ottenendo, addirittura, un guadagno dall’installazione dell’impianto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top