Archivio per categoria varie

Edilizia e risparmio energetico

Edilizia e risparmio energetico

Il risparmio energetico è entrato in maniera forte nell’ambito dell’edilizia, diventandone punto cardine, anche perché proprio l’edilizia è la prima artefice dell’impatto ambientale.

Le regole principali del risparmio energetico

Ci sono delle semplici regole da seguire per un risparmio dell’energia, regole che fortunatamente stanno entrando sempre più nelle abitudini degli italiani:

  • Mantenere la temperatura costante tra i 18° e i 19° è la prima accortezza da seguire. Per conseguirla bisogna tenere chiuse porte e finestre per evitare gli spifferi d’aria, e arieggiare la casa quando il riscaldamento non è acceso.
  • Controllare periodicamente la caldaia, mantenendola efficiente ed evitando così gli inutili sprechi energetici di una caldaia che funziona male.
  • Preferire la doccia al bagno in vasca, in quanto va a diminuire sensibilmente la richiesta di acqua calda. Naturalmente anche sotto la doccia bisogna starci il giusto tempo.
  • Quando non necessario spegnere la luce e utilizzare le lampadine a led che hanno consumi notevolmente più bassi. Usare anche l’accortezza di non lasciare in standby i nostri elettrodomestici.

Anche l’uso della lavatrice, della lavastoviglie e del forno dev’essere oculato. La lavatrice è bene utilizzarla sempre a pieno carico e non superare i 60°. Stesso discorso per la lavastoviglie che va sempre riempita, e vanno tenuti puliti i filtri, mentre per il forno evitare il più possibile l’uso del grill e non aprirlo spesso durante la cottura.

Edilizia: sostenibilità ambientale

casa in legnoIn ambito di edilizia la sostenibilità ambientale comprende il rapporto tra edificio e ambiente esterno e tra edificio e chi lo abita. Si sta puntando molto sull’efficienza energetica degli edifici, specie su quelli di nuova costruzione, ma anche con le ristrutturazioni di quelli già esistenti, come anche sull’uso delle energie rinnovabili.

Bioedilizia e progettazione eco-compatibile sono termini che stanno entrando nell’uso comune del campo delle costruzioni. Anche per quanto riguarda gli appalti per i lavori pubblici si sono fatti passi avanti, in quanto le aziende, per dimostrare la capacità di poter presentarsi ai bandi, devono essere in possesso di certificazione soa, che attestano le varie professionalità.

I materiali

Come dimostrato dai paesi del nord Europa una costruzione edilizia ben progettata è il modo migliore per affrontare il problema ambientale. Usare materiali isolanti diventa fondamentale, visto che i comuni materiali richiedono un dispendio di energia notevole. L’isolamento termico consente, infatti, un risparmio energetico fino al 50% rispetto alle comuni costruzioni.

Tra i materiali consigliati risalta sicuramente il legno, un materiale antico dal punto di vista costruttivo, ma quanto mai moderno dal punto di vista ecologico. Una casa in legno ha diversi vantaggi che vanno dalla resistenza ai terremoti, alla resistenza al fuoco opportunamente trattato, fino al livello di isolamento.

 

 

 

Migliorare l’efficenza termica della casa: coibentazione delle pareti, cos’è e come farla

Migliorare l’efficenza termica della casa: coibentazione delle pareti, cos’è e come farla

La coibentazione delle pareti è un processo fondamentale per migliorare l’efficenza termica di un’abitazione. Questo problema, di consueto è presente in vecchie case in cui avviene una dispersione d’aria. Fredda o calda che sia, l’aria passa attraverso soffitti, tetti, serramenti e addirittura muri. Così, dalla mattina alla sera la temperatura si abbassa di ben 5 gradi centigradi.
Invece, la percentuale totale di dispersione è notevole: si aggira intorno al 75%.
Di conseguenza, coibentare le pareti di un’abitazione porta ad un elevato risparmio sia in termini energetici che economici.
La casa riuscirà così a mantenere costante la temperatura interna.

Coibentazione delle pareti: le tecniche più utilizzate

La coibentazione pareti può essere fatta con tre differenti tecniche:

  • isolamento dall’esterno;
  • isolamento dall’interno;
  • isolamento in intercapedine.

L’isolamento dall’esterno è senza dubbio il modo più efficace per coibentare la propria casa. Le metologie più diffuse per l’isolamento dall’esterno sono 2:

  • sistema a “cappotto”;
  • facciata ventilata.

L’isolamento dall’interno, invece, è la soluzione più economica da adottare. Le tecniche più utilizzate per la coibentazione dall’interno sono 2:

  • controparete preaccopiata;
  • controparete su struttura metallica.

Il compromesso avviene utilizzando la tecnica di isolamento in intercapedine. Le metodologie più diffuse sono 2:

  • intercapedine con pannelli a facciavista;
  • intercapedine con laterizi a faccia vista.

La coibentazione delle pareti viene fatta utilizzando diversi materiali, vediamo quali sono quelli di maggiore utilizzo.

Isolamento termico: i materiali più utilizzati

Molto aziende sono all’avanguardia nella produzione di materiali isolanti termici. Attualmente tanti di questi prodotti sono reperibili sul mercato.
Tra i più utilizzati ci sono:

  • lana di roccia o lana di vetro;
  • argilla;
  • polistirolo;
  • fibra di legno;
  • paglia;
  • sughero espanso;
  • schiuma di poliuretano.

I costi dell’isolamento termico

Difficile stabilire i costi per la coibentazione delle pareti senza avere dei precisi parametri.
Infatti questi possono variare in base al costo dei pannelli isolanti, ai lavori delle opere murarie e dei lavori di posa in opera.
Un riferimento generico, può altresì essere dato dal costo dei pannelli isolanti. Il prezzo varia a seconda dello spessore o della lunghezza.
Ecco tre esempi:

  • i pannelli di polistoro hanno un prezzo che va dai 2 ai 4 euro. Determinante lo spessore che varia dai 4 ai 6cm;
  • i pannelli di lana roccia con spessore di 4 centimetri li troviamo sul mercato ad un costo di 3,15 al metro quadro;
  • i pannelli di sughero hanno un prezzo che oscilla tra i 15 e i 60 euro al mq. Il prezzo è determinato dallo spessore che varia dai 2 cm a 10 cm.

La soluzione di Poliurea Italia

Poliurea Italia specializzata nell’impermeabilizzazione ed isolamento termico per industrie ed abitazioni private, offre la sua ventennale esperienza nel settore.
Poliurea Italia utilizza come isolante termico il poliuretano: leggero, durevole nel tempo, sicuro ed in linea con gli attuali parametri ambientali.
L’azienda propone soluzioni altamente tecnologiche che garantiscono elevati standard di qualità. Disponibilità offerta su tutto il territorio nazionale.

Riciclo avanzi alimentari

Riciclo avanzi alimentari

Ogni giorno buttiamo dalla nostra tavola tonnellate di cibo che non mangiamo più, o perché siamo sazi o perché non ci piace quello che stiamo assaporando, il cestino si riempie di preziosi alimenti che possono aiutare sia il pianeta ma soprattutto il nostro portafoglio. Negli ultimi anni si sta assistendo all’aumento di slow food, bio, e tutti quei modi per mangiare sano, ecologico e in sinergia con il pianeta. Ma questa modalità è possibile attivarla anche in casa.

Ci sono diverse maniere di recuperare il cibo che non si vuole più mangiare o utilizzare gli scarti alimentari per aiutare la pulizia della casa o l’igiene personale, vediamo alcuni consigli.

RI-cucinare gli alimenti già in parte consumati è sicuramente uno dei primi vantaggi, un piatto diverso senza spreco:

come per esempio I dadi vegetali che possono essere fatti con Le bucce di carota, cetriolo, i petali di carciofo, cipolla, bucce di carota e/o cetriolo, debitamente lavati ed essicati sono ottimi per i risotti.

La pasta può essere ricotta e presentata come pasta al forno, oppure fare dei timballi. Il riso può essere utilizzato per fare degli ottimi arancini. Con tutte le bucce di frutta in generale è possibile fare dei profumatissimi bisogno.Il pane è l’elemento tipico del riuso, perché si sa che un culetto rimane sempre e allora utilizzalo per fare del pane gratuggiato. Ma è possibile fare anche delle bruschette da inzuppare o fare una bella panzanella contadina alla Toscana.

Il limone è veramente un alleato contro i batteri della casa, ma può aiutare anche la pelle creando dei detergenti per il viso o per il corpo. Inoltre in estate una bel dolce freddo con il limone è un toccasana per la mente e il corpo. Ci sono tantissimi scarti di uso alimentare che si possono usare per la nostra igiene e profumazione, basta scovarli e provarli.

Ogni giorno siamo alla ricerca di nuove ricette per la nostra dieta paleotica e se a volte non abbiamo voglia di stare tanto a pensare il sito www.dietapaleo.it può venirci in aiuto con un menù giornaliero. Soprattutto se si segue una dieta, ci saranno tantissimi scarti di verdura che vanno buttati ma che in realtà si possono utilizzare in tantissimi modi.  Sperimentate i molteplici tesori del riciclo alimentare!

Pannelli fonoassorbenti: cosa sono e a cosa servono

Pannelli fonoassorbenti: cosa sono e a cosa servono

I pannelli fonoassorbenti, come dice lo stesso nome, sono dei pannelli realizzati con lo scopo di isolare acusticamente un ambiente. Si differenziano dai pannelli fonoisolanti dal momento che quest’ultimi hanno una struttura costituita da materiali ad elevato peso specifico, come ad esempio il piombo, racchiusi tra strutture fonoassorbenti; mentre i pannelli fonoassorbenti sono completamente realizzati con questi materiali.

Read more

La disinfestazione delle vespe a Roma città

La disinfestazione delle vespe a Roma città

Disinfestazione vespe, a chi rivolgersi a Roma?

Non è poco frequente avere bisogno di disinfestare gli ambienti da vespe e dal nido di vespe. La vespa appartenente all’ ordine degli imenotteri è parente stretto dell’ape, con la quale condivide molte caratteristiche morfologiche e sociali, tra le quali la capacità di realizzare nidi (favi) per allevare la propria colonia. La lunga evoluzione naturale degli imenotteri ha inoltre dotato la vespa di un aculeo velenifero addominale che impiega come potente arma di difesa in caso di necessità per proteggere se stessa e, soprattutto, la comunità a cui appartiene.

Perchè sono necessarie le disinfestazioni da vespe

La pericolosità di questo insetto per l’uomo deriva dalla sua capacità di infliggere punture nella pelle e di iniettare contemporaneamente un veleno. Quest’ultimo è un liquido di natura proteica che, una volta entrato nei tessuti organici, provoca una reazione acida tossica per le cellule, dalla quale ha origine il tipico dolore e gonfiore.

Per la maggioranza delle persone, come è noto, le conseguenze di una puntura di vespa si risolvono rapidamente senza alcun particolare problema, ma per altri soggetti, definiti comunemente allergici, l’incontro accidentale con questo insetto può rappresentare un concreto pericolo, perfino per la propria vita. Il sistema immunitario di queste persone si caratterizza infatti per il fatto di essere eccessivamente sensibile a talune sostanze presenti nel veleno e di reagire in misura spropositata provocando, nei casi estremi, anche uno stato di shock anafilattico con conseguente repentino abbassamento della pressione sanguigna e contrazione delle vie aeree. In questi casi, si rivela spesso indispensabile il ricovero in ospedale.

Roma, con i sui innumerevoli edifici storici ricchissimi di cavità ed insenature nonché temperature medie invernali miti, rappresenta indubbiamente una città ideale per l’insediamento e sviluppo di colonie di vespe. Anche un piccolo foro insignificante situato tra gli antichi mattoni, magari esposto al sole, può celare al suo interno una comunità numerosa di vespe che, se disturbate, non tarderanno ad uscire fuori per sventare il loro attacco simultaneo contro la presunta minaccia. per questo è necessario attuare una pronta disinfestazione al nido delle vespe per andare dritti al cuore del problema.

Sistemi di disinfestazione – pronto intervento

La presenza dunque di uno o più favi di vespe, in particolare quando sono di dimensioni rilevanti e localizzati nelle aree di maggior frequentazione, si pensi ad esempio ai numerosi e visitatissimi siti archeologici romani, costituisce un reale pericolo per le persone, costringendo spesse volte le amministrazioni ad interventi tempestivi di controllo ed eliminazione del nido di vespe quindi delle colonie.

Come in molte altre grandi città, anche in Roma hanno sede diverse ditte specializzate nella disinfestazione delle vespe in piena sicurezza. Le strategie adottate sono sostanzialmente di due tipi:

– per via chimica, mediante l’impiego di insetticidi;
– per via fisico-biologica con speciali trappole attrattive.

Il primo sistema prevede solitamente l’utilizzo di particolari erogatori a pressione in grado di spruzzare la sostanza insetticida, consentendo quindi all’operatore di rimanere a debita distanza dal favo. Talvolta è inoltre necessario dotare l’erogatore di una particolare prolunga per raggiungere i favi costruiti all’interno di cavità altrimenti inaccessibili. Il secondo sistema sfrutta invece le proprietà di alcune sostanze (feromoni) o di fenomeni fisici (luce UV) per attrarre e catturare questi insetti.

Suggerito da: pronto24h.it

Top